FURORE Furore Sa
 
 Via Giovambattista Lama 14
 Furore Sa
 Tel. 089-830348
 Fax. 089-8304014
 Sito: www.granfuror.it
 Mail: info@granfuror.it

 



 Descrizione:
Nel ridotto spazio agrario della Costa d'Amalfi il vigneto gioca un ruolo storicamente preminente. La scarsità del terreno coltivabile, strappato alla roccia attraverso dissodamenti e terrazzamenti di grande ingegnosità, ha da sempre imposto uno sfruttamento intensivo del suolo, oltre a una severissima selezione delle colture.
Da qui il primato dell'agrumeto e del "vigneto con frutti", con viti inizialmente appoggiate a sostegni vivi (mandorli e noci) poi affidate a lunghe pertiche e, infine, fatte crescere su pergolati appositamente costruiti con pali di castagno (puntili in verticale, travierzi e curreturi incrociati in orizzontale).
Si evitava così la monocoltura, consentendo la coltivazione orticola del terreno sottostante, che a sua volta assicurava la pressochè totale autosufficienza alimentare della famiglia contadina. Il superfluo era rappresentato proprio dal vino, buono per essere venduto per il reperimento dei mezzi integrativi di sostentamento.
Questi crinali, che, con molte colline del buon vino, hanno il profilo sinuoso, i piedi immersi nell'acqua e il volto baciato dal sole, non potevano non essere generosi con quel loro grande spasimante, perdutamente innamorato, che è il vignaiuolo di queste parti. Con la grande passione di costui dovette fare i conti - riferisce lo storico - lo stesso Carlo d'Angiò, quando fu costretto a bruciargli l'oggetto amato per poter riuscire a convincerlo a imbarcarsi sulle sue navi e a costituire finalmente il relativo equipaggio.
I vigneti coprirono i fianchi scoscesi della Costa, diventando uno degli elementi caratteristici del paesaggio agricolo, in specie nelle aree a mezza costa, tra i 200 e i 500 metri sul livello del mare. Qui sopravvivono vitigni nobili come i bianchi coda di volpe, bianca zita, San Nicola, ripoli, ginistrella e i rossi pere e' palummo, serpentaria, tintore, taralluzzo, tutti meritevoli di entrare ufficialmente nella produzione vinicola locale.
La Denominazione di Origine Controllata Costa d'Amalfi è stata riconosciuta nel 1995. Essa interessa il territorio di 13 comuni della provincia di Salerno, prevedendo come tipologie base un Bianco, un Rosso e un Rosato. All'interno della denominazione sono state poi individuate tre sottozone - Furore, Ravello e Tramonti - alle quali si applica un disciplinare più restrittivo.
L'azienda è situata nel Comune di Furore a 500 metri a picco sul mare. La superficie coltivata a vite si estende su dieci ettari, di cui 3,5 di proprietà.
Il suolo è costituito da rocce dolomitiche calcaree, la vite è allevata prevalentemente a "pergolato" e spesso piantata sulle pareti rocciose verticali.
In simbiosi tra natura e tecnologia, la vinificazione avviene secondo le più moderne tecniche. Mentre l'invecchiamento in barriques, custodite nell'antica cantina scavata direttamente nella roccia umida e fresca, è affidato unicamente al trascorrere del tempo.
 
 
Siti web con riferimenti utili nei dintorni di : Furore Sa
 
 
A: Persanooasi wwf
 
 


   Prodotti dell'azienda:
Furore Bianco Fiorduva
Furore Rosso Riserva
Ravello Rosso Riserva
Furore Bianco
Furore Rosso
Ravello Bianco

    visualizza la posizione sulla mappa

 Contatti:
 Nome
E-mail
Richiesta  
 
   Informazioni utili


Agriturismo, agriturismi, vino, vini, olio, frutta, verdura
Software imposta di soggiorno